Archivi tag: libri

Capalbio libri, parola alle donne

Capalbio libri, festival letterario che si svolgerà dal 6 al 13 agosto nella cittadina in provincia di Grosseto.

Le donne sono le protagoniste della decima edizione di Capalbio libri, festival letterario che si svolgerà dal 6 al 13 agosto nella cittadina in provincia di Grosseto. La conduzione delle otto serate sarà quasi esclusivamente affidata a giornaliste, tranne dell’11 agosto dove salirà sul palco l’unico conduttore della rassegna: Sergio Rizzo, giornalista del Corriere della Sera. A dirigere il festival sarà Denise Pardo, firma de L’Espresso e scrittrice. La decima edizione di Capalbio libri, presentata ieri nella Sala dell’ex consiglio nazionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo di Roma, conta otto serate con nove appuntamenti e 10 libri da presentare. Molti gli autori e ospiti in programma come il disegnatore Sergio Staino, la giornalista Myrta Merlino, l’ex campione del mondo Marco Tardelli e l’ex direttore del Fatto Quotidiano Antonio Padellaro.

Capalbio libri
Capalbio libri

Il programma di Capalbio Libri.

Si inizia sabato 6 agosto con la presentazione di Alla ricerca della pecora Fassina di Staino al quale seguirà quella de Il fatto personale di Padellaro, domenica 7 agosto. Lunedì 8 toccherà a L’impresa oltre la crisi di Gianluca Comin, mentre il 9 agosto sarà il turno di Scegliere i vincitori, salvare i perdenti di Franco Debenedetti. Mercoledì 10 toccherà a Federico Rampini con Banche: possiamo ancora fidarci?. Giovedì 11 agosto, doppio appuntamento: alle 19 sarà presentato Madri. Perché saranno loro a salvare il nostro Paese di Myrta Merlino e alle 21.30 Lettere a Francesca, il diario di Enzo Tortora scritto durante i sette mesi di carcere e dedicato alla compagna Francesca Scopelliti. Il 12 agosto sarà la volta di La femmina nuda di Elena Stancanelli e il 13, serata finale, quella di Tutto o niente. La mia storia di Marco Tardelli.

In futuro a Capalbio Libri tanto spazio agli autori emergenti.

Oltre agli autori più noti, molti autori emergenti hanno fatto richiesta ad Andrea Zagami, fondatore della rassegna, per poter presentare il proprio libro. “Al festival portiamo solo personaggi pubblici e non c’è spazio per gli autori emergenti – ha spiegato Zagami – ma con il sindaco di Capalbio stiamo pensando di creare un talent per valorizzare tutte le richieste che sono arrivate, in modo che per la prossima edizione un libro di un autore emergente venga presentato durante il festival”.

Capalbio libri
Capalbio libri

Il piacere della lettura.

Nel 2017 ci saranno anche altre novità. “Con la direttrice editoriale Denise Pardo abbiamo un progetto interessante – ha detto Zagami – Iniziare a lavorare sull’indagine sul piacere della lettura. Dall’anno prossimo dedicheremo due giorni interamente a questo: lo faremo con esperti, scrittori, giornalisti e soprattutto con il Centro per il libro e la lettura del Mibact. Il nostro obiettivo è quello di scoprire quali sono i meccanismi per trasmettere il piacere della lettura”.

Dieci anni di Capalbio Libri.

Dal 2007, sono stati presentati 121 libri, sul palco sono saliti 126 autori, 281 ospiti e 161 musicisti. In platea, invece, più di 35.000 persone hanno assistito alle presentazioni in piazza Magenta, dove si svolge il festival.

Condivi subito:

Fine settimana con MurloLIBRO

MurloLIBRO, Prima edizione della mostra mercato del libro organizzata dalla Pro Loco di Murlo, sarà in scena questo fine settimana. Potrete trovare anche le nostre pubblicazioni.

Questa domenica, 19 giugno 2016, avrà luogo nella spettacolare cornice del Castello di Murlo (Siena) la prima edizione della Mostra Mercato del Libro di Murlo (MurloLIBRO), organizzata dalla locale Pro Loco con il patrocinio del Comune di Murlo. MurloLIBRO si svolgerà in occasione dei 50 anni dell’area archeologica etrusca di Poggio Civitate, e dei i ritrovamenti archeologici che testimoniano la scoperta più straordinaria sull’architettura degli etruschi.

MurloLIBRO, che anticipa l’ormai famoso e atteso luglio murlese del Bluetrusco, festival unico dedicato interamente  agli Etruschi, è alla prima edizione e potrà vantare ospiti e i sostenitori importanti: le autrici Silvia Roncucci e Ilaria Sciascia, Laura Perrini  e Urania Vannuccini, i fotografi Bruno Bruchi  e Cesare Moroni, il Gruppo Scrittori Senesi, gli scrittori Luciano Scali, Nicola Ulivieri e la giornalista Annalisa Coppolaro, alla quale spetterà il compito di condurre le conversazioni ed incontri in esclusiva.

MurloLibro volantino
MurloLibro 2016 Volantino

MurloLIBRO si svolgerà tra la Piazza della Cattedrale e la Via Tonda nel pieno cuore del Castello di Murlo e potrà vantarsi della presenza di una decina di Case Editrici (tra le quali la Nuova Immagine Editrice) e i loro stands e con le ultime novità editoriali; momenti di intrattenimento si alterneranno alle presentazioni di libri e a momenti di completo relax per i più piccoli, condotti dal gruppo di animazione della Biblioteca Comunale di Murlo.

La I° edizione di MurloLIBRO si protrarrà per l’intera giornata, dalle 11.00 fino alle 24.00.

Dal pomeriggio tardo il Museo Archeologico offrirà un gradevole Aperitivo a coloro che acquisteranno il biglietto di entrata mentre la serata sarà dedicata all’atteso evento Murlo SWING & WINE, arrivato già alla sua decima edizione, e che avrà come protagonisti la musica del Joseph Nowell Trio e la degustazione di prodotti e di vini delle aziende murlesi.

MurloLibro volantino
MurloLibro 2016 volantino

Ecco il Programma di MurloLIBRO:

  • Alle ore 11:00 Inaugurazione della Mostra con le Autorità locali invitate per questa prima edizione.
  • dalle 14:30 Iniziative di intrattenimento per i visitatori, ovvero presentazioni di libri e incontri con gli autori, attività di animazione per bambini e ragazzi a cura della Biblioteca Comunale di Murlo, conversazioni con il gruppo degli Scrittori Senesi.
  • dalle 18:30 APERITIVO al Museo con degustazione di vini locali offerto nel prezzo del biglietto.
  • alle 21:30 Murlo Swing&Wine, con musica dal vivo e degustazione di vini locali nel bicchiere appositamente realizzato per l’occasione.
Condivi subito:

I colori del libro a Volterra

La Nuova Immagine Editrice sarà presente alla manifestazione “ I colori del libro ” che si terrà a Volterra il 18 e il 19 giugno grazie alla collaborazione con ToscanaLibri.it

Il prossimo fine settimana sarà all’insegna della cultura. La Nuova Immagine Editrice parteciperà con le sue pubblicazioni, e grazie alla collaborazione con ToscanaLibri.it, alla manifestazione I colori del libro, che si terrà a Volterra il 18 e il 19 giugno.

I Colori del libro a Volterra
I Colori del libro a Volterra

 

La manifestazione, iniziativa del Comune di Volterra e della Cassa di Risparmio di Volterra,  accoglierà in Piazza dei Priori 10 a Volterra, i librai provenienti da tutte le parti d’Italia, che faranno da cornice ad un programma ricco di eventi, arte e presentazioni. Il sito toscanalibri.it, porterà, nella bellissima città di Volterra, in esposizione più di mille volumi che raccontano la terra Toscana con le sue storie e il suo affascinante territorio. Chi parteciperà alla manifestazione “I Colori del libro – Mostra Mercato del libro usato, antico e d’occasione” avrà modo di curiosare tra le numerose bancarelle allestite e sfogliare libri veramente di tutti i tipi; una occasione piacevole di incontro e dialogo tra scrittori, librai, operatori specializzati, appassionati, collezionisti e curiosi. Per l’intero weekend le strutture del Comune di Volterra saranno aperte al pubblico e per i visitatori interessati sono in programma alcune sorprese in Biblioteca e al Museo Guarnacci.

Nuova Immagine Editrice
Nuova Immagine Editrice

Anche La Nuova Immagine Editrice parteciperà a I colori del Libro

Alla manifestazione “I Colori del libro – Mostra Mercato del libro usato, antico e d’occasione” avrete l’occasione di sfogliare, visionare e acquistare i nostri libri. Grazie alla collaborazione con ToscanaLibri.it possiamo presentare alla mostra i seguenti volumi:

Città e Necropoli d’Etruria di George Dennis

Il Piacere di Camminare di Gianfranco Giani

Volterra – Guida alla città e ai dintorni di Alessandro Furiesi

L’Acqua a Volterra di Alessandro Furiesi

Il Palazzo dei Priori di Volterra di Alessandro Furiesi

 

Un po’ di informazioni utili per la mostra I colori del libro

Gli orari – La manifestazione si terrà da sabato 18 giugno dalle 14.00 alle 24 e domenica 19 dalle 10.00 alle 22.00. Sono previsti anche alcuni laboratori su stampa d’arte e tecniche di incisione il sabato (16.30-18.30) e la domenica (11.00-12,3 e 15,30-18.30). Puoi sotto vi mostriamo l’intero programma

www.toscanalibri.it #icoloridellibro Fb: toscanalibri.it Tw: @toscanalibri  @NuovaImmagineEd nielibrionline.it

 

Programma I Colori del Libro
Programma I Colori del Libro
Condivi subito:

Libro sul cinema: Maria Denis

Libro sul Cinema «Maria Denis. La vita dell’attrice e l’incontro con Luchino Visconti», edito dalla Nuova Immagine Editrice e raccontata da Sergio Micheli

LE GRANDI figure lasciano tracce ben oltre la loro esistenza: ecco che Sergio Micheli, uno dei più significativi senesi del novecento, a pochi mesi dalla scomparsa ci offre il saggio «Maria Denis. La vita dell’attrice e l’incontro con Luchino Visconti», edito da Nuova Immagine. Il cinema è stato il grande amore per questo studioso, soprattutto le figure ancora da mettere a fuoco, da interpretare, così per questa attrice che è passata dai grandi riflettori al silenzio totale, in un sottile gioco fra amicizie, rivalità e un cinema che stava inesorabilmente cambiando.

Copertina libro su Maria Denis
Copertina libro su Maria Denis

Ma questo ottimo saggio è anche la storia di un incontro, quello fra lo stesso Micheli e la Denis, condito da lettere, da lucide e appassionate ricostruzioni storiche, da una simpatia reciproca che trasuda ad ogni pagina. Con una bella prefazione di Claudio Carabba, il saggio di Micheli esce dalle feritoie del tempo e ci permette una chiara ricostruzione di un periodo storico, un passaggio dal regime fascista alla Repubblica visto attraverso il grande schermo, ma anche pagine oscure di un Italia che sembrava non potesse scuotersi definitivamente uno scomodo passato. Micheli era pronto, al crocevia del tempo, a coglierne i significati più veri e più profondi.

Condivi subito:

Libro su Maria Denis e la sua vita

Libro su Maria Denis. La vita dell’attrice e l’incontro con Luchino Visconti Libro postumo di Sergio Micheli presentato al Cinema Pendola su Maria Denis

E’ stato presentato al Cinema Pendola l’ultimo libro su Maria Denis di Sergio Micheli, recentemente scomparso. “Maria Denis. La vita dell’attrice e l’incontro con Luchino Visconti” è il titolo dell’opera a cui le figlie Paola e Caterina hanno voluto dare seguito; Paola ne ha anche curato la pubblicazione insieme a Vincenzo Coli (casa editrice Nuova Immagine Editrice).

Presentazione Libro su Maria Denis
Presentazione Libro su Maria Denis a Siena presso il Cinema Nuovo Pendola

Il lavoro di Micheli nel suo libro su Maria Denis

Micheli si era già occupato in passato di altre monografie di attori famosi del cinema del ventennio fascista ma con Maria Denis era nata una vera e propria amicizia. Nel corso dei numerosi incontri l’attrice ripercorre la sua vita professionale e di donna corteggiatissima anche da personaggi di spicco come perfino Galeazzo Ciano. E proprio a questo proposito le sue confidenze si fanno più drammatiche quando fa menzione di un altro ammiratore legato a una vicenda che segnò drammaticamente la sua vita: il famigerato Pietro Koch, granatiere dell’esercito italiano, diventato dopo l’8 settembre del 1943 il capo di un tristemente famoso manipolo di torturatori di antifascisti, nel cui studio sembra abbondassero alle pareti foto-ritratto della bella Maria Denis.

Per acquistare il libro su Maria Denis clicca qui

Poco prima che gli Alleati liberassero Roma e che Koch fuggisse con la sua banda a nord, Luchino Visconti cadde nelle sue mani accusato di attività antifasciste e fu proprio Maria Denis, a lui legata da profonda amicizia, a far sì che, sfruttando questa debolezza dell’ufficiale fascista, il regista di Ossessione uscisse incolume dal carcere. Il resto fa parte della storia ufficiale; infatti poco dopo la liberazione Koch fu processato e pagò con la fucilazione alla schiena i suoi misfatti. Proprio su questa vicenda Denis-Visconti si sofferma il libro su Maria Denis di Sergio Micheli; un episodio di cui l’attrice aveva già parlato in altre occasioni ma che in questo caso si arricchisce di particolari inediti. Secondo Micheli, una prova di come la Denis intendeva il rapporto di amicizia al punto tale da mettere a rischio la propria vita essendo stata, anche lei, accusata di attività contro il regime.

Maria Denis
Maria Denis

Libro su Maria Denis e la sua vita

Maria Denis (nome d’arte di Maria Esther Belmonte), diva del cinema italiano degli anni 30 e 40, era nata in Argentina il 22 novembre 1916. Arrivò in Italia, a Roma, da bambina con la famiglia, dove ancora adolescente, mentre stava passeggiando con la madre, Piero Francisci nel 1932 la nota e le propone un ruolo in un breve film a passo ridotto che segnò l’inizio di una carriera straordinaria sotto la direzione dei più noti registi dell’epoca fra cui Alessandro Blasetti, Goffredo Alessandrini, Mario Camerini. Ma è negli anni ’40 che gli vengono proposti i ruoli più interessanti della sua carriera nella quale si annoverano almeno 40 film. Nel 1940 fu Augusto Genina ad affidarle per la prima volta un ruolo drammatico ne L’assedio dell’Alcazar mentre Ferdinando Maria Poggioli le propose il ruolo di protagonista in Addio giovinezza! e, l’anno dopo, Sissignora.

Copertina libro su Maria Denis
Copertina libro su Maria Denis

La sua bellezza delicata e i ruoli interpretati in quegli anni le valsero gli appellativi di “fidanzatina d’Italia” e “Mary Pikford nostrale”. Il grande rispetto per gli altri, la dedizione totale per la difesa delle cause giuste non le giovò certo professionalmente; negli anni Cinquanta, dopo provvisori e occasionali rientri nel cinema (fu protagonista nel 1948 di Private Angelo di e con Peter Ustinov, tra l’altro girato in provincia di Siena), decise di lasciare definitivamente il cinema, delusa e amareggiata, per dedicarsi alla famiglia. Maria Denis era venuta a Siena anni fa invitata all’Università per Stranieri da Sergio Micheli, docente di Storia del cinema, per un incontro con gli studenti, durante il quale lei si era concessa con la consueta amabilità alle loro domande e curiosità. Contestualmente era stata allestita una mostra dei suoi quadri (una ventina di pregevoli ritratti sul tema delle debolezze umane) nel cortile del Palazzo Pubblico.

 

 

 

Condivi subito:

L’«eterea» Amazon Books ritorna alla bottega di mattoni

Il gruppo Amazon Books ha aperto due librerie “fisiche” e ne vorrebbe progettare altre 300/400 La strategia? Rendere sostenibile un modello atomizzato: una sola copia di 100mila titoli diversi

Vent’anni dopo aver sparigliato il mercato dei libri, Amazon Books apre, in rapida successione, due librerie in mattoni. E come se non bastasse a sollevare un polverone, corre voce – né confermata, né smentita – secondo la quale il gruppo diventato nel frattempo il più grande bazar online di vendita al dettaglio, sarebbe intenzionato ad aprire 300/400 negozi fisici. Immediatamente si sono scatenate speculazioni e congetture su un improbabile cambio di strategia, ma i timori dei librai rimangono visto che Amazon Books, fino a ieri il nemico numero uno 1, diventa anche uno di loro.

Amazon books
Amazon books

L’incubo ha preso forma a Seattle, città natale del colosso dell’ecommerce ma anche centro urbano con la più alta concentrazione di lettori, con l’inaugurazione lo scorso novembre, del suo primo punto vendita nel centro commerciale U-Village. La start-up che sfruttando la leva gestionale dello “zero scorte” ha costruito il suo successo nell’intermediazione culturale digitale allungando all’infinito la domanda di prodotti di nicchia.

La Coda Lunga

Amazon Books è l’eponimo dell’applicazione della “Coda Lunga”, teoria di marketing che non impone più di inseguire la hit culture: vendere 100 mila copie di un best seller, ma rende sostenibile un modello di vendita atomizzata: una sola copia di 100mila titoli diversi, incoraggiando i consumatori a cercare al di fuori del mondo noto. Questo spirito si ritrova nei 500 metri quadri di legno chiaro del primo Amazon Books dove i seimila volumi sono allineati sugli scaffali con le copertine esposte all’insù per invogliare a sfogliarli, seguendo una disposizione libera senza obblighi di percorso come un invito alla serendipità delle scoperte letterarie. C’è indubbiamente qualche ironia in questo “ritorno alla bottega”. Amazon Books che proprio in virtù della mancanza dei costi di una rete fisica di vendita, è riuscita a praticare una politica di prezzi imbattibili, vuole ora recuperare quell’intangibile valore aggiunto del negozio fisico: la gratificazione di possedere subito l’acquisto e il tocco personale di un libraio preparato. Nella libreria di Seattle i prezzi sono in linea con quelli praticati sul web e il successo di pubblico di questi primi mesi ha spinto a Jeff Bezos a replicare l’iniziativa a San Diego. Amazon Books vende anche l’hardware proprietario come il lettore Kindle, la Fire TV e Amazon Echo l’assistente vocale à la Siri. Sarebbe fuorviante parlare per di rivincita degli atomi sui bit, quanto piuttosto l’intento è quello dei vasi comunicanti. Permettere al cliente di toccare con mano le caratteristiche di dispositivi e parallelamente spingere per l’acquisto online.

Amazon Books
Amazon Books

Le due dimensioni si rafforzano a vicenda. Nel negozio gli avventori sono invitati a interagire con l’online, per esempio, scattando foto dei codici a barre dei prodotti per leggere il parere degli altri consumatori. Tuttavia l’azione sul brand non è spinta all’eccesso: per esempio, nella libreria non si riscontra una promozione parossistica dei volumi editi da Amazon Publishing .

Le classifiche

Tutt’al più appare la classifica dei migliori titoli del 2015 in base alle preferenze espresse dagli utenti di Amazon.com. Altre classifiche classifiche meno scontate sono quella dei “manuali più desiderabili da parte di un cuoco” oppure i consigli dello staff tra cui anche le raccomandazioni di Jeff Bezos che si trova a essere pure il marito di una romanziera. Con disinvoltura il patron di Amazon Books ha presentato Traps , fatica letteraria della consorte, come “un libro che si legge tutto d’un fiato di una scrittrice premiata la quale, casualmente, capita essere anche mia moglie”.

Il ritorno dell’e-book

Quasi defilato c’è un espositore con la scritta “i libri che hanno ispirato le produzioni di Amazon Originals”, perché l’inarrestabile Bezos si è lanciato anche nella realizzazione di serie tv e di film. Jennifer Cast, vice presidente di Amazon Books, assicura che la selezione dei volumi in vendita nel negozio non è guidata esclusivamente dai dati di vendita accumulati online sebbene sia indubbio che forniscono dei parametri commerciali strategici. Il valore aggiunto di Amazon Books rispetto a storiche catene librarie come Barnes&Noble (640 punti vendita) e Book-A-Million (255 punti vendita) è l’intelligence che il sito ricava dai Big Data sui comportamenti di acquisto dei suoi milioni di lettori. Informazioni preziose che permettono ad Amazon Books di abbattere il costo dell’invenduto e sfuggire alla nemesi delle pile polverose delle giacenze. E chissà se poi nella scelta di Amazon di aprire dei negozi reali abbia giocato a favore anche la rimonta dei libri cartacei, fino all’anno scorso dati per spacciati dagli e-book, e che invece sono tornati timidamente a crescere. Più prosaicamente qualcuno considera il vantaggio logistico del luogo fisico come sportello per la raccolta dei resi. Fenomeno che riguarda 38% degli acquisti online.

Condivi subito:

Libri da colorare per adulti

I libri da colorare per adulti fanno tornare bambini ed aiutano a combattere lo stress

Da bambini, tutti, ma proprio tutti ne abbiamo avuto qualcuno in mano. Una volta cresciuti e diventati grandi, tutti, ma proprio tutti, ne abbiamo comprato qualcuno per i propri figli. La vera novità è che ora li compriamo non solo per i più piccoli, ma anche per noi stessi. Stiamo parlando dei libri da colorare per adulti.

Ne abbiamo viste di tutti i colori, ma questa ci mancava. Dall’Inghilterra è arrivata anche da noi una moda insospettabile: i libri da colorare per adulti. Nel mondo anglosassone è un autentico fenomeno: il volume di Johanna Basford, colei che possiamo dire abbia inventato il genere, in America ha venduto due milioni di copie. Da noi il mercato ha dimensioni ovviamente ridotte, ma può già contare su qualche decina di migliaia di esemplari. Ovviamente non si tratta dei disegni rudimentali dei libri per bambini, qui abbiamo elaborazioni grafiche estremamente sofisticate, tali da mettere a prova la pazienza e l’attenzione di chi ci si cimenta.

Libri da colorare per adulti - Secret Garden
Libri da colorare per adulti – Secret Garden

Libri da colorare per adulti è una categoria che ad una prima e scorretta lettura fa pensare ai cinema a luci rosse, ma in realtà indica l’esatto opposto: non stiamo parlando di un’attività riservata ai maggiorenni, bensì un piacevole passatempo per i più piccoli riscoperto da papà e mamme (e perfino da chi non ha figli). Il fenomeno sta letteralmente impazzando sulle due sponde dell’Atlantico, dall’America all’Inghilterra; ne è testimone il fatto (a detta del Wall Street Journal Europe) che ben otto dei venti libri più venduti fra i bestseller di Amazon siano proprio i “coloring books designed for adults”, i libri da colorare per adulti. In cima alle classifiche fra i libri da colorare per adulti è Johanna Basford, disegnatrice di origini scozzesi che da Aberdeen ha dato vita a ben due titoli nella classifica dei libri più venduti del 2015. E il fatto che siano “per adulti” potrebbe traviarvi e farvi pensare a disegni troppo espliciti per i piccoli: Secret Garden e Enchanted forest, sebbene i titoli si prestino ad allusioni di ben altro tipo, essi contengono pagine epagine di giardini e foreste da colorare a matita, semplicemente.

Libri da colorare per adulti
Libri da colorare per adulti

Alcune delle testate più raffinate del mondo, dal quotidiano The Guardian al settimanale New Yorker, inondano di elogi i libri da colorare per adulti. Psicologi autorevoli, interpellati su questa categoria di libri, ne spiegano il grande successo con la capacità di alleggerire dallo stress. A detta loro non c’è niente di meglio, per gli adulti (e per i loro figli di qualsiasi età) schiavi di uno smartphone, che impugnare una matita e iniziare a colorare gli appositi spazi.

LO CONFERMA la psicologa Maria Rita Parsi: «È noto che quando siamo al telefono, o parliamo con qualcuno, o riflettiamo, facciamo degli scarabocchi su un foglio, per concentrarci e rilassarci a un tempo. Colorare è un’attività regressiva, che cioè ci fa tornare indietro a quando eravamo bambini, ti permette di entrare in contatto con te stesso, consente di distrarti ma allo stesso tempo concentrandoti. È un duplice effetto: ti concentri e ti distacchi, è liberatorio. Disegnare è molto diverso da colorare: col disegno esprimi te stesso, mentre colorando fai qualcosa ma sotto controllo, è come se ti accompagnassero per mano. Ti esprimi ma con una struttura che ti contiene»

 

Quindi cosa aspettate?! Comprate  libri per adulti da colorare munitevi di matite e pennarelli ed iniziate a colorare. Non solo è divertente, ma fa anche bene!

Condivi subito:

I campi Displaced Person per profughi ebrei stranieri in Italia

I campi Displaced Person per profughi ebrei stranieri in Italia 1945 – 1950 / Incontro con Martina Ravagnan

Domenica 31 gennaio ore 10.30 – matroneo della Sinagoga di Siena

 

L’incontro vuole focalizzare lo sguardo su una storia non molto nota al grande pubblico: il tema dei profughi ebrei stranieri in Italia, all’indomani della fine della Seconda Guerra Mondiale. Tra il 1945 e il 1950 oltre 40.000 profughi ebrei d’ogni parte d’Europa, ma provenienti soprattutto da Polonia, Ungheria e Stati del Baltico, passarono dal suolo italiano. L’Italia, per la sua posizione geografica rappresentò una “stazione di partenza” e fu una tappa del viaggio che portò migliaia di profughi verso la terra d’Israele.
Per accogliere queste persone, nel nostro Paese vennero organizzati decine di campi da Nord a Sud, dove «collettivi sionisti» (Hachsharot) o kibbutz, preparavano i rifugiati al tipo di vita che avrebbero trovato in Palestina.
L’incontro vuole raccontare la storia di migliaia di persone che dopo anni di sofferenze, stenti, persecuzioni, iniziarono lentamente a tornare alla vita normale. L’educazione e la produzione culturale svolsero un ruolo fondamentale nei campi. Furono create scuole, biblioteche, teatri, dove suonare musica o partecipare ad eventi sportivi; nacquero settimanali in lingua yiddish e una rivista letteraria pubblicata dall’Unione degli scrittori, dei giornalisti ed artisti ebrei in Italia, a partire dal 1946.
Per ricominciare a vivere, a passare del tempo libero, ad amare.

I campi Displaced Person per profughi ebrei stranieri in Italia 1945 - 1950
I campi Displaced Person per profughi ebrei stranieri in Italia 1945 – 1950

Martina Ravagnan, nata a Venezia nel 1986, si è laureata in storia presso l’Università di Bologna con una tesi su “I campi Displaced Persons in Italia (1945-1950)”. Ha studiato la lingua Yiddish a Vilnius, Varsavia, Gerusalemme e Parigi. Recentemente ha lavorato come Archival Fellow presso il Center for Jewish History a New York e come Teaching Assistant all’Yiddish Book Center in Massachusetts.
Si prega di confermare la partecipazione inviando una mail a sinagoga.siena@coopculture.it o telefonando allo 0577- 271345

 

A Siena e dintorni sono tante le iniziative organizzate per non dimenticare gli orrori nazisti. La Nuova Immagine Editrice ha contribuito con due pubblicazioni :

A 24029 – Autore: Alba Valech Capozzi
A-24029 di Alba Valech Capozzi
A-24029 di Alba Valech Capozzi
Gli Ebrei Senesi Raccontano 1938-1944 Docomenti, Storie e Memorie – Autore: Patrizia Cioni, Fabio Masotti, Laura Mattei
gli-ebrei-senesi-raccontano

 

 

Condivi subito:

Gli italiani non leggono

Gli italiani non leggono, o leggono molto poco. Lo rileva uno studio dell’Istat: ben 6 italiani su 10 non leggono nemmeno un libro in un anno. I trend del 2015 evidenziano che chi legge di più sono gli adolescenti.

Gli italiani non leggono. Le cifre dell’Istat confermano che siamo un popolo piuttosto refrattario ai libri. Anche se nel 2015 si è leggermente arrestata la tendenza negativa, si stima che le persone che non hanno letto neppure un libro in un anno siano il 58% della popolazione. Il rilevamento dell’Istat considera la lettura fatta per motivi non scolastici o professionali e arriva così a stimare che circa 24milioni di italiani da sei anni in su (il 42%) abbiano compiuto questa esperienza. Nel 2014 erano il 41,4%: si sono quindi recuperati circa 412 mila lettori e si è invertito il trend al ribasso iniziato nel 2012.Mail numero complessivo di lettori resta molto basso.

Gli italiani non leggono, stime Istat del 2015
Gli italiani non leggono, stime Istat del 2015

La fotografia dell’Istat sulla lettura in Italia nel 2015, nell’ambito dell’indagine campionaria “Aspetti della vita quotidiana”, mette in luce che la fascia d’età in cui si legge di più è quella fra i 15 e i 17 anni, nella quale i lettori sono aumentati passando dal 51,1% del 2014 al 53,9% del 2015. I lettori forti, cioè quelli che leggono in media almeno un libro al mese, sono il 13,7% (erano il 14,3% nel 2014) mentre quasi un lettore su due (45,5%) si conferma lettore debole, avendo letto non più di tre libri in un anno.

Lo scorso anno sono state inoltre 4 milioni 687 mila le persone che hanno letto o scaricato libri on line o ebook: l’8,2% della popolazione complessiva e il 14,1% delle persone che hanno navigato in Internet negli ultimi tre mesi. La lettura online e il download di libri ed e-book è più praticato dai giovani: in particolare sono il 22,4% i ragazzi tra i 18 e i 19 anni che navigano su Internet.

Per sfogliare il nostro catalogo di libri online clicca qui

Gli italiani non leggono, ma rimangono invariate le differenze fra uomini e donne: le lettrici restano le più forti con il 48,6% contro il 35% dei lettori maschi. Nel rapporto con la lettura non basta la scuola, è determinante l’ambiente familiare: si stima che legga libri il 66,8% dei ragazzi tra i 6 e i 14 anni con entrambi i genitori lettori, mentre sono il 30,9% quelli con genitori che non leggono libri. Da rilevare che quasi una famiglia su dieci (9,1%, pari a circa 2,3 milioni di famiglie) dichiara di non avere nemmeno un libro in casa. La percentuale è ampiamente superiore alla media nazionale in Puglia (18,2%), Calabria (16,3%) e Basilicata (16,1%).

Condivi subito: