Musica in Italia – Musica Etrusca

La Musica Etrusca a Murlo

Il 2015 sarà un anno molto importante per la cultura e l’archeologia in Toscana. L’assessorato alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Toscana, ha programmato infatti “L’anno dell’Archeologia in Toscana”, un progetto atto a promuovere per tutto l’arco dell’anno il grandissimo patrimonio archeologico della Toscana. Fra le tante iniziative promosse dalla Regione Toscana, ce ne è una che sta molto a cuore a noi, come casa editrice specializzata in archeologia etrusca, non solo per il tema etrusco, ma anche perché si svolgerà nel territorio della Provincia di Siena e più precisamente a Murlo.

Gli etruschi sono molto noti per la loro tecnica di lavorazione dell’oro: la famosa Granulazione Etrusca, sulla quale noi abbiamo anche prodotto un libro che potete trovare nel nostro sito: http://nielibrionline.it/archeologia/1237-granulazione-etrusca.html

Ma oggi parliamo di un’altra arte in cui gli antichi abitanti dell’Etruria eccellevano: stiamo parlando della musica etrusca.

Giovedì 30 aprile e domenica 10 maggio, dalle ore 14 alle ore 18, presso l’Antiquarium di Poggio Civitate – Museo Archeologico di Murlo in provincia di Siena, ci sarà un’interessante evento, in vista, appunto, dell’anno dell’Archeologia in Toscana. Si terrà, infatti, un incontro incentrato sulla musica etrusca e sulle melodie etrusche, grazie alle performance live del musicista compositore Francesco Landucci, famoso per la sua esperienza nel campo dell’archeologia musicale. La sua esperienza in campo di musica etrusca è davvero di rilievo, basti pensare che con la sua Archeologia Sonora Sperimentale si è esibito anche Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.
Gli incontri, ad ingresso gratuito, saranno incentrati sulla sperimentazione musicale tra antico e moderno, per studiare il rapporto che intercorre tra la civiltà dell’Etruria e la musica etrusca: attraverso itinerari di musica archeologica sperimentale, sarà riprodotta, sonoramente e materialmente la musica dei tempi etruschi. In aggiunta, sfruttando questo evento, dal 30 aprile al 10 maggio le sale del Museo Archeologico di Murlo accoglieranno anche una mostra temporanea di strumenti musicali ispirati alla civiltà etrusca e ai loro echi, che gli iscritti ai laboratori potranno osservare grazie ad una visita guidata. Il progetto è realizzato grazie al contributo della Regione Toscana e in collaborazione con la Fondazione Musei Senesi, il Comune di Murlo, l’Associazione Murlo Cultura e Pro Loco di Murlo, e si rivolge agli studenti delle scuole primarie e secondarie, ma anche a tutti gli interessati, che potranno assistere alla sonorizzazione, grazie alle nuove tecnologie, di una delle sale contenenti i reperti più importanti e rappresentativi del Museo Archeologico: un evento capace di unire l’antico e il moderno in un’unica esperienza musicale.
L’evento sarà inoltre un’anteprima del grande festival “Bluetrusco”, l’unico festival dedicato interamente agli etruschi, in programma al Castello di Murlo, che l’Antiquarium di Poggo Civitate e il Comune di Murlo organizzeranno questa estate, tra il 2 luglio e il 2 di agosto, insieme alla Soprintendenza Archeologica della Toscana, l’Università degli Studi e per gli Stranieri di Siena, la rivista Archeo, l’Associazione Murlo Cultura, la Pro Loco di Murlo, con il contributo economico della Regione Toscana e la collaborazione della Fondazione Musei Senesi e la Provincia di Siena.

 

Echi di Sonorità Etrusche
Echi di Sonorità Etrusche
Condivi subito:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *