Festa del libro nel paese dei Librai

Tra le piazze e i vicoli di Montereggio di Mulazzo (Massa), da sabato al 27 agosto, libri e incontri con scrittori per la Festa del Libro

Sono passati secoli da quando gli uomini di Montereggio di Mulazzo (Ms) partivano alla volta delle città di tutta Italia con le loro gerle cariche di pietre per affilare i coltelli, destinate a essere scambiate con immagini sacre e libri messi all’indice dalla Santa Sede.

Col tempo, le gerle si sono trasformate in carretti, i carretti in banchi e i banchi in librerie, disseminate da un capo all’altro della penisola. Ma l’intuito e la passione per la carta stampata degli abitanti di questo minuscolo borgo medievale della Lunigiana, unica città italiana del circuito “International Organisation of Book Towns” e culla, nel 1952, della prima edizione del Premio Bancarella (oggi di stanza nella vicina Pontremoli) continuano a vivere una volta all’anno, nella “ Festa del libro ”, manifestazione che richiama fra le piazze, i vicoli e le suggestive abitazioni in pietra alcune delle più rinomate realtà dell’antiquariato librario.

“Festa del libro”

Un appuntamento che si ripeterà, per la quattordicesima edizione, dal 19 al 27 agosto, con un numero di libri in esposizione raddoppiato rispetto al passato e, per la prima volta, un’offerta di degustazioni enogastronomiche che affiancherà il tradizionale calendario di incontri con gli scrittori.

Un’anticipazione di quello che gli organizzatori hanno in mente per il futuro, quando Montereggio si trasformerà — secondo le loro intenzioni — in un vero e proprio “paese libreria”, contenitore di eventi editoriali da aprile a ottobre, di cui la “ Festa del libro ” sarà soltanto uno degli appuntamenti. Intanto, si comincia questo sabato con Luciano Canova che, alle 19, presenterà il suo Scelgo e dunque sono (Egea), un viaggio sul comportamento umano fra psicologia ed economia, seguito

alle 21 da Giovanni Impastato, fratello di Peppino, ucciso dalla mafia nel 1978, con Oltre i cento passi (Piemme).

Domenica si parlerà della raccolta Le sette meraviglie della Lunigiana (Pacini Fazzi) e di Al gancio del Negroni di Stefano Baruzzo (Solfanelli); seguono poi Giorgia Primavera e Masal Pas Bagdadi

(il 21), Ivano Dionigi ed Enrico Galiano (il 22), Simone Sarasso, coautore dell’autobiografia di Loris Capirossi 65 la mia vita senza paura (il 23), Barbara Baraldi e Massimo Cirri (il 24), Fabio Evangelisti e Andrea Vitali (il 25), Stefano Allievi e Pino Roveredo (il 27) mentre, sabato 26, è in programma la premiazione del concorso per illustratori “Silent book contest” con la presentazione di R/evolution di Arianna Papini (Carthusia).

Ingresso libero; info 340-3162057.

Condivi subito:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *